Menù settimanale 16 – 22 febbraio 2015

Buongiorno a tutti!

Questa settimana il menù è all’insegna della semplicità. Ma non ho rinunciato a provare ricette nuove. Prima fra tutte la nostra versione light dei flauti. Una ricetta che usa solo olio e latte (vegetale per una versione vegan) senza uova, nè burro. E’ lo stesso impasto dei pangoccioli che ho pubblicato la settimana scorsa, ma il procedimento finale è diverso.

Inoltre mi intrigano un altro paio di ricettine, provenienti da altri blog, che vorrei provare senza troppa fatica.

Se anche voi avete ricette facili, veloci e per lo più sane, fatemele conoscere, le proverò volentieri!

Ecco quindi il menù per la settimana prossima, da guardare, salvare, stampare e appendere in cucina! Basta cliccare sull’immagine e scaricare il PDF.

Vitadimamma_menu-settimanale-16-22-febbraio-2015

Se volete saperne di più su alcune ricette o avere altre informazioni, non esitate a lasciarmi un commento qui sotto.

Buon fine settimana a tutti!

Flauti fatti in casa (la mia versione senza burro e senza uova)

Flauti fatti in casa

Questa settimana abbiamo provato a farci da soli i flauti. La base è sempre quella dei pangoccioli, quindi una ricetta senza burro e senza uova, il più possibile sana e digeribile. Per farcirli abbiamo scelto la marmellata o la nocciolata fatta in casa.

Lo so, non sono molto accurata nelle presentazioni, ma il gusto vi assicuro che è molto simile agli originali. Almeno così la pensano i miei bambini, il che è tutto dire! E’ un’ ottima colazione o una merenda da portare all’uscita di scuola.

Buon appetito a tutti!

Flauti fatti in casa (la mia versione senza burro e senza uova)

Dosi per 12-18 flauti

Ingredienti

  • 300 ml di latte (di mucca o vegetale per la versione vegan io solitamente uso il latte di riso)
  • 40 ml di olio
  • 80 g di zucchero di canna
  • 500 g di farina 00
  • 4 g (1/3 di bustina) di lievito di birra liofilizzato

Procedimento

  1. Porre gli ingredienti nella macchina del pane nell’ordine di lista (tralasciando le gocce di cioccolato) e impastare con programma impasto (1h e 30). In alternativa, impastare a mano o con una impastratrice per alcuni minuti (vi consiglio di impastare una prima volta per amalgamare gli ingredienti e , formata una palla, attendere qualche minuto e reimpastare nuovamente per altri 2-3 minuti)) e lasciare lievitare coperto per 1h e 30.
  2. Al termine della lievitazione, trasferire su un piano di lavoro e lavorare un poco.
  3. Dividere l’impasto in 6 parti e formare con ognuna un filoncino di circa 2 cm di spessore e lungo quanto la larghezza della vostra teglia da forno da 60 cm.. Praticate dei tagli trasversali ogni 2-3 cm sui filoncini e lasciateli lievitare ben distanziati in forno spento su una teglia foderata di carta da forno per 8 h ca.
    (noi lo mettiamo la sera prima di andare a letto).
  4. Passato quel tempo, senza togliere la teglia dal forno, accenderlo a 200° per circa 15-20 minuti o fino a quando non cominceranno a dorarsi leggermente. Sfornare e lasciare raffreddare.
  5. Successivamente tagliateli ogni 10 cm circa (ne verranno 2-3 per filoncino), apriteli e farciteli con marmellata o con della cioccolata spalmabile.

Si conservano in una bustina per alimenti ben chiusa anche per 3-4 giorni.

Il nostro viaggio con Aaron Becker

Journey7

Scrivere di questo libro è difficile, ma allo stesso tempo facilissimo.

E’ difficile, perchè Viaggio è un album illustrato per bambini, un silent book, ovvero un libro che non contiene parole, tranne quella del titolo, ovviamente. Mentre per il resto è fatto solo di immagini, tavole a tutta pagina che riempiono completamente l’intera opera, dall’inizio alla fine. Parlare di questo libro, quindi, sembra un poco anche profanarne il senso, turbare quell’equilibrio che l’autore Aaron Becker, già illustratore per Disney e Pixar, ha così delicatamente creato e mantenuto in tutte le sue pagine, senza mai proferire alcuna parola.

journey5

Ma scrivere di Viaggio è anche facilissimo, perchè è una storia che contiene infinite storie al suo interno. L’occhio del lettore è accompagnato dal tocco del disegnatore, ma con un invito composto, gentile, affettuoso, per nulla insistente. Anzi, sembra che Becker abbia così a cuore la purezza d’animo dei propri lettori da suggerire soltanto i percorsi dello sguardo, facendo però allo stesso tempo di tutto per ampliarli fino all’orizzonte della pagina e oltre ancora. Come se non volesse render l’occhio schiavo di un’ unica visione e invece invitarlo ad abbracciare anche i molteplici viaggi dello sguardo di ogni lettore, il quale può seguire il filo narrativo della storia, ma allo stesso tempo è libero nel proprio intimo di costruirsene molte altre parallele.

La storia ufficiale che Becker racconta, riguarda una bambina annoiata, in un mondo descritto volutamente in bianco e nero, con l’eccezione di alcuni oggetti quotidiani che si colorano di fantastico, di possibilità nascoste.

Journey2

Il mondo degli altri (adulti e ragazzi) è un mondo di persone affaccendate, il cui sguardo è focalizzato su un singolo oggetto (un computer per il padre, un cellulare per la sorella) o in un compito quotidiano (la mamma di spalle indaffarata in cucina). La bambina sembra essere non vista, lo sguardo degli altri è troppo chiuso per accorgersi di lei e sembra dare per scontato che anche lei faccia lo stesso.

journey1
Solo attraverso l’uso di uno di quegli oggetti colmi di possibilità, un gessetto colorato, la bambina apre una nuova porta dello sguardo. Un mondo fantastico in cui scoprirà se stessa e riuscirà a vedere gli altri suoi simili, accanto a lei.

Journey4

Aaron Backer, oltre ad essere disegnatore, per molti anni è stato essenzialmente un viaggiatore. Ha sostato in diversi paesi dell’Oriente e del Nord Europa. E infatti questo retroterra è così imponente da sembrar rimanere come attaccato alle sue illustrazioni, come se fosse sotteso al suo tratto, così preciso e puntuale di dettagli. Ma questa speciale attenzione e la dovizia dei particolari architettonici e paesaggistici, contrasta sorprendentemente con l’apparente distrazione verso i particolari somatici dei personaggi, che sono solo accennati. Quasi a voler lasciare un’ ampia possibilità di immedesimazione di ogni lettore. O forse magari perchè ciò che veramente importa in questa storia non è tanto chi sia il viaggiatore, ma il viaggio che ognuno di noi fa tra queste pagine.

Journey3

Ciò che si ricava è un continuo enorme stupore, un tuffo al cuore al voltare di ogni pagina. Una scoperta continua di forme, di colori, di paesaggi naturali ed urbani, di strutture architettoniche e di avventure in mondi sconosciuti, in cui nulla si da’ per scontato, in cui le possibilità sono sempre nuove, creative, stupefacenti. Dove tutto è possibile, dove tutto può essere creato, basta un gesso colorato e una bambina con la voglia di continuare a viaggiare con l’immaginazione.

Journey6

Tutto il libro permea di una delicata ma costante tensione tra il desiderio di controllo della realtà (esemplificato dalla bambina che crea disegnando la sua visione del mondo, o per meglio dire, la sua personale elaborazione della realtà) e l’ apparentemente opposta necessità di lasciar andare, di lasciar scorrrere, di abbandonarsi allo sguardo contemplativo del paesaggio.

“Dopo aver viaggiato tanto, il mio viaggio preferito rimane l’immaginazione.” ha dichiarato l’autore. E credo che non avrebbe potuto rendere meglio questo concetto nella sua prima opera di una trilogia ancora in corso d’opera.

Journey9

I miei figli, seppur così diversi per età (10, 8 e 3 anni), sono rimasti letteralmente conquistati da questo libro e dalle sue innumerevoli storie. E così lo siamo stati noi genitori. Sfogliare quelle pagine rapisce, ingloba. Le illustrazioni, come in una sinfonia, ci catturano inizialmente piano piano, incuriosendoci con il loro silenzio. Per poi man mano crescere di forza, di volume, fino a letteralmente farci tuffare dentro, stupiti e conquistati dalla complessità di questa esperienza.

L’unica nota negativa e l’unico rimpianto è quello di dover concludere il Viaggio, di dover distogliere lo sguardo e lasciare queste pagine.

Journey11

Ma non importa. Perchè, come i protagonisti del libro, anche noi lettori/viaggiatori possiamo usare la nostra storia come una ruota colorata per viaggiare ancora, per permetterci di guardare al mondo conosciuto con uno sguardo nuovo e appassionato.

E poi comunque, abbiamo sempre il nostro libro, che rimane paziente ad aspettarci sullo scaffale, in attesa del prossimo viaggio insieme.

Se sei interessato ad acquistare questo libro, puoi farlo da questo link affiliato: