Chi ha paura di fare i biscotti?

Biscotti-tutti-i-giorni

Chi ha paura di fare i biscotti per la colazione? Io si.

E le ragioni sono tante! per esempio lasciare almeno mezz’ora prima fuori da frigo il burro ad ammorbidire, impastare gli ingredienti e capire già che l’impasto è troppo molliccio o troppo duro, far sostare l’impasto in frigo per almeno mezz’ora e poi procedere finalmente a stendere l’impasto sulla spianatoia.

Nel frattempo accorgersi che hai mezza cucina tra bambini urlanti di giubilo, impasticciarsi tutte le mani, riuscire a staccare l’impasto irrimediabilmente attaccato dalla spianatoia, fermare i bambini che si lanciano pezzi di impasto e riuscire (io quasi mai) a stenderlo ad una altezza giusta per poterci poi utlizzare le tante formine carine e coccolose, magari a forma di albero di Natale o di renna, (ma che, ahime!,) giacciono nel pensile in fondo, dietro a mille altri aggeggi che bisogna ogni volta spostare e tirare fuori.

Dopo aver creato il caos totale sul bancone, bambini ricoperti di  farina e impasto, il pavimento che è diventato uno slide … finalmente riesco a metterli in forno..per poi trovarli sempre o poco cotti o bruciati.

Che ci è voluto? Solo un’ora e mezza! E la cena? Ah! La cena! Me l’ero dimenticata!

E poi mi chiedono perchè compro i biscotti del Mulino Bianco!

No. Non ho problemi a fare le merendine fatte in casa, come i pangoccioli, le camille, i flauti, i cereali per la colazione o i ciambelloni allo yogurt. Si fanno praticamente da soli. Ma i biscotti, no. Almeno quelli che si conoscono come tali! Ma poi ho conosciuto i blog americani. E capito che i biscotti non devono essere per forza tali. Si possono fare i cookies, ad esempio! Ma anche delle versioni nostrane più semplici, sane e assolutamente da tutti-i-giorni! E io quelli faccio, non chiedetemene altri, a meno che non sia Natale, naturalmente!

E il burro lasciato fuori dal frigo? Io uso l’olio!

E l’impasto appiccicoso? E chi lo tocca? Basta un cucchiaio da gelato!

E il tempo di riposo in frigo? No, davvero voi avete tempo per lasciare l’impasto mezz’ora in frigo? Io no. Passati 5 minuti io l’impasto non mi ricordo più nemmeno che l’ho fatto!

E la farina sulla spianatoia? Per questo impasto ne basta un pizzico per amalgamarlo.

E le formine? C’mon! Who cares? Non è tutti i giorni Natale, no?

Ecco quindi la mia ricetta per i biscotti di tutti i giorni, ovvero dei biscotti facili facili, da fare anche mentre si prepara la cena.

Dalla stessa base di impasto posso fare varie versioni a seconda delle voglie, della disponibilità degli ingredienti e dei gusti di ognuno.

Passano in forno solo 15 minuti. Allora si che conviene farli in casa e non comprarli già pronti!

Perchè salutista si, ma santa, ancora no!

 

Biscotti tutti-i-giorni

Ingredienti (per circa 30 biscotti):

  • 1 uovo o una banana schiacciata o 15g di semi di lino frullati con 3 cucchiai di acqua e fatti riposare qualche minuto.
  • 220 di farina (dipende se usate l’ integrale anche meno. Io mi regolo un po’ ad occhio)
  • 100g di fiocchi d’avena o cornflakes
  • 120g di zucchero di canna o circa 60ml di sciroppo d’ agave
  • 40g di olio e.v.o.
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio
  • 1/2 bicchiere di latte (anche vegetale) o un vasetto di yogurt o una spremuta di una arancia media

E poi a scelta:

  • 50g di gocce di cioccolato bianco o scuro o entrambi
  • 50g di uvetta ammollata per qualche minuto in poca acqua calda e poi strizzata
  • 1 mela (o altro frutto di stagione) tagliata a piccoli dadini o grattugiata

Procedimento:

  1. Preriscaldate il forno a 180°.
  2. Impastate gli ingredienti in un mixer: l’uovo, lo zucchero, la farina, il bicarbonato i fiocchi d’avena e poi aggiungere il liquido (l’olio e il latte o lo yogurt o la spremuta) e poi quelli a scelta. Nella foto qui sopra vedete la versione con uvetta e mela. Se necessario aggiungete un poco di altra farina, fino ad ottenere comunque un impasto che non si appiccica più alle pareti.
  3. Trasferite sul piano di lavoro infarinato con poca farina e date la forma di un panetto. Allungatelo in uno o due filoncini (a seconda della grandezza che vorrete dare ai biscotti)
  4. Ora con un coltello o con una spatolina tagliate longitudinalmente per ottenere tante fettine e trasferitele sulla teglia ricoperta con carta da forno. Fate lo stesso con l’altro filoncino. Posizionate i biscotti un poco distanziati.
  5. Mettete la teglia in forno per 15 minuti ca o finchè sono dorati.
  6. Lasciate raffreddare e da ben freddi, trasferiteli in un contenitore a chiusura ermetica di plastica o di vetro. Si conservano bene per tutta la settimana.

Avete altri suggerimenti per gli ingredienti a scelta? Voi cosa aggiungereste? Fatemi sapere, variare fa sempre bene!

Nel frattempo, buon appetito!

6 pensieri riguardo “Chi ha paura di fare i biscotti?”

  1. Da noi la scena e la disposizione d’animo è la stessa, ma io ho trovato una ricetta di biscotti semplici semplici (che riporto nel mio blog) che non mi fa perdere tempo. Li stendo come voglio i bambini fanno le forme che vogliono anche a mano libera e in 16 minuti sono pronti! Mio marito li adora!
    Proverò anche i tuoi anche se l’idea di ingredienti un po’ diversi già mi destabilizza!

    1. E io proverò i tuoi…ma già leggere delle formine…mi inquieta! Ahahahah! E’ che prorpio sono una sfaticata in cucina, il solo pensiero di stendere….mi ammoscia!!! :-) Ti stimo!!!!

  2. Ciao Ludovica! Ho provato la tua ricetta ed è fantastica! Grande!!
    Capisco che sia bello – in alcune occasioni- far pasticciare i bambini in cucina… e non metto in dubbio che le formine hanno sempre il loro fascino… ma volete mettere lo stress di preparare abitualmente biscotti nel poco tempo che abbiamo sempre a disposizione?! La tua ricetta è quello che ci voleva! GRAZIE INFINITE!!!
    Mi hai risolto un bel problema anche perché con l’invasione di OLIO DI PALMA in tutti i prodotti commerciali (anche molti di quelli bio!!!) mi è veramente tornata la voglia di cucinare! Almeno so cosa mangiamo e anche il noioso(a volte!) spadellare ha acquisito un valore aggiunto! Grazie ancora.

I commenti sono chiusi