Le buone pratiche digitali

Foto di Intel Free Press  in licenza Creative Commons su Flickr
Foto di Intel Free Press in licenza Creative Commons su Flickr

Tornando sul tema dei bambini e tecnologia digitale, vorrei segnalarvi alcune iniziative interessanti di cui sono venuta a conoscenza tramite il Centro per la Salute del Bambino con sede a Trieste, che molti di voi conosceranno per essere tra i partner di Nati per leggere e Nati per la Musica.

La onlus sta portando avanti un progetto a mio parere molto interessante che riguarda il rapporto dei bambini con le nuove tecnologie audiovisive digitali (DDs, digital devices) come la televisione, i videogiochi, i dispositivi mobili, le app e, naturalmente, internet.

Un gruppo multidisciplinare di esperti in materia (pediatri, psicologi, psocoterapeuti e sociologi dei media) sotto il coordinamento del Centro, ha infatti prodotto un documento che mi piace condividere con tutti voi dal titolo Tecnologie digitali e bambini: indicazioni per un utilizzo consapevole . In questo articolo si sottolinea come l’avvicinamento e l’uso dei DDs da parte dei minori, sin dai primissimi anni di vita, non dovrebbe essere ostacolato, ma più semplicemente guidato verso un uso corretto e consapevole di essi da parte dei genitori, degli insegnanti e da tutti gli adulti che circondano i nostri figli.

Gli studiosi infatti propongono a questo proposito una serie di buone pratiche familiari, essendo la famiglia il luogo in cui principalmente avviene il primo contatto con le nuove tecnologie. Sottolineano i ricercatori che fondamentale per i genitori non è solo saper guidare l’inevitabile approccio precoce dei bambini verso le tecnologie, ma anche e soprattutto avere la costanza di supervisionare l’ utilizzo di questi mezzi, nei modi compatibili con l’età dei figli. In questo modo i bambini potranno godere appieno delle smisurate possibilità educative ed esperienziali dei DDs, ma anche minimizzare i possibili rischi per la salute fisica e mentale dei bambini e dei ragazzi.

Il rapporto con le nuove tecnologie per i nostri figli, di qualsiasi età, è ormai inevitabile. Hanno poco senso ormai, a mio parere, le demonizzazioni di questi strumenti. E’ vero, essi contengono numerosi rischi, principalmente legati all’abuso del loro utilizzo e alla dipendenza che essi possono instillare in noi tutti. Quello su cui, secondo me, come genitori si deve puntare è ad una accettazione di essi come oggetti utili per promuovere esperienze.

Usale-non-farti-usare

In qualche modo, con le nostre buone pratiche genitoriali, dobbiamo prima di tutto riuscire ad educare i nostri figli ad usare le tecnologie non come fini a se stesse (per esempio, evitare di permettere di usare il videogioco semplicemente come mero passatempo) ma inserirle in un più ampio progetto educativo familiare. Esistono milioni di applicazioni che i nostri figli possono sperimentare, approfondendo magari concetti scientifici, matematici, linguistici. E molte sanno davvero unire contenuto e divertimento.

Ma a mio parere valgono a poco se ad usarli è un figlio lasciato da solo davanti ad un monitor. Nella mia esperienza di mamma, sono arrivata a riflettere molto sul modo in cui i miei figli spendono il loro tempo in casa, dopo la scuola e dopo le attività sportive. E mi sto rendendo conto di quanto sia spesso facile, ma deleterio per la loro salute e per la serenità familiare, acconsentire ogni volta ai loro desideri digitali.

Prima di tutto perchè più sono stanchi, più desiderano la coccola del monitor (sia esso la tv o il videogioco). E poi anche perchè l’abitudine a queste pratiche digitali li porta progressivamente a dimenticarsi cosa voglia dire giocare. In molte occasioni, soprattutto per i due figli che vanno alla scuola primaria,  siamo arrivati a dover intervenire e riaccendere in loro la scintilla del gioco libero.

Improvvisare un gioco, proporre un’attività, può aiutarli immensamente a riposare la mente e a ritrovare il contatto con se stessi e con i propri bisogni.

So benissimo infatti che quando riesco a dare ai miei bambini l’opportunità di riscoprire altre attività ( come il gioco all’aria aperta, la lettura, la musica, le relazioni con i compagni) il mezzo digitale saprà essere riconosciuto dai miei bambini semplicemente come tale e quindi usato con giudizio e serenità, non aspettandosi da esso più di quello che possa effettivamente dare loro.

Questo post partecipa al blogstorming Crescere digitali di genitoricrescono.

blogstorming_banner