Budino al cioccolato

Mia madre, non me ne voglia se lo spiattello in rete, seppur sia una buona forchetta, non è che sia proprio una appassionata di cucina…, e quindi raramente ci preparava dei dolci. Aveva poca pazienza e poca propensione per ricette laboriose o esperimenti culinari.
Ma quando ci voleva coccolare un po’, senza spendere troppo tempo, uno dei suoi classici era il budino al cioccolato, di cui io e mio fratello eravamo ghiottissimi!

Ricordo ancora i contenitori di plastica smerigliati in cui lo versava e il piacere enorme di noi bimbi di leccare la pentola dai rimasugli rimasti.
A quel tempo, non avevo idea che ci fosse altro modo per prapararlo, se non acquistando le bustine liofilizzate.

Ma invece, ad averlo saputo, avrei sicuramente convinto mia mamma, che era assolutamente veloce, facile, economico (e sicuramente più sano) farlo in casa da zero!

Infatti, basta procurarsi pochi e semplici ingredienti.

E 10 minuti (dieci minuti…si, avete capito bene!) di tempo!

Allora, che altro aspettare????
Evviva il budino al cioccolato!!!!

Ingredienti:
(dosi per circa 8 vasetti)

3 cucchiaini di amido di mais, maizena, fecola o farina di riso
130 g di zucchero
4 cucchiaini di cacao amaro
1 pizzico di sale
400 ml di latte
200 ml di panna liquida
4 rossi d’uovo
100 g di cioccolato fondente

Preparazione:

1. In una pentola di medie dimensioni mescolate la maizena (o equivalenti), lo zucchero, la polvere di cacao e il sale facendo attenzione che eventuali grumi si dissolvano. Aggiungete la panna liquida e mescolate finchè gli ingredienti non sono ben amalgamati. Aggiungete quindi i rossi d’uovo e il latte, facendo sempre attenzione a dissolvere i grumi.
2. Ponete il composto sul fuoco medio-basso mescolando delicatamente ma continuamente con una frusta, per evitare che si attacchi.
3. Non appena il composto comincia a rapprendersi, sempre mescolando, aggiungete il cioccolato fondente e lasciatelo disciogliere.
4. Togliete la pentola dal fuoco e versate il composto in contenitori di vetro o in una forma per budino.
5. Lasciate raffreddare, coprite con i loro coperchi o con la pellicola e poi trasferite i budini in frigo per almeno mezz’ora prima di servirli.

E come direbbe Diego: “Delicious!!!!”


P.S. Qui sopra i piacevoli e immediati effetti collaterali dell’aiutare mamma a cucinare il budino… La storia si ripete! ;-)

Perchè il mio yogurt è troppo liquido?

Valentina mi scrive:

Ho provato giusto ieri sera a sperimentare questa ricetta ma il risultato non è quello che mi aspettavo, o meglio, il gusto c’è (quello classico dello yogurt bianco magro), è diventato anche abbastanza denso, ma ha la consistenza un po’ “collosa”, cioè non è denso ma cremoso come quelli acquistati ma più tipo colla vinilica, hai presente? Quale può essere il ploblema?

Quando si autoproduce lo yogurt, può capitare di incappare in problemi di densità.
Secondo la mia esperienza, la consistenza dello yogurt può dipendere da 3 fattori principali:

– la quantità di yogurt usato come starter (più ne metti, più diventa solido)
– la qualità batterica dello starter, ovvero più bacilli buoni lo yogurt di partenza contiene, più solido sarà lo yogurt ottenuto
– la durata della proliferazione: più tempo si tiene lo yogurt a fermentare, più solido diventerà.

Ora, da quel poco che mi dice Valentina non posso sapere quali dei 3 fattori possa essere venuto meno. Ma quel che è certo, è che in ogni caso, una maggiore liquidità dello yogurt ottenuto in casa, non ne modifica nè il gusto, nè la qualità.

Se, come me, si preferiscono ottenere consistenze più simili a quelle dello yogurt greco, il primo consiglio che posso dare è di aumentare il tempo di riposo, fino anche a 48 ore.
La consistenza dello yogurt sicuramente nè gioverà, perchè la fermentazione avrà modo di agire più a lungo e, quindi, addensare maggiormente il latte.

Quello che però mi pare che Valentina metta in luce, è anche un’altra questione che è bene secondo me affrontare.

Quando si comincia a fare lo yogurt in casa, si può rimanere delusi se persistiamo nel basare il nostro giudizio sulla densità, partendo dal gusto e dalla consistenza della maggior parte degli yogurt che si comprano nel banco frigo del supermercato.
Gli yogurt comprati infatti, contengono spesso addensanti chimici che nulla hanno di naturale e, nella migliore delle ipotesi, non sono necessari alla fermentazione.
Agiscono solo sull’aspetto, visto che nella maggior parte dei casi, devono poter mascherare una bassa qualità degli ingredienti di base (latte e fermenti).
Non c’è niente da fare: se si vuole fare uno yogurt partendo da latti supermagri, superfiltrati, superpastorizzati e da yogurt 0 grassi e dolcificati artificialmente, il risultato finale sarà sicuramente povero dal punto di vista nutrizionale e deludente dal punto di vista della densità. Questo perchè la quantità dei lattobacilli di partenza nello yogurt usato come starter e la scarsa qualità del latte di partenza, depauperato già all’origine delle principali caratteristiche organolettiche e lipidiche tipiche del latte vero, non possono non pregiudicare il risultato finale.
Un buon latte intero biologico e uno yogurt intero e biologico usato in quantità diverse a seconda della minore o maggiore consistenza che si vuole ottenere e una fermentazione lasciata agire per minore o maggiore tempo, permetteranno di personalizzare al massimo lo yogurt ottenuto e rendere ancora migliore l’esperienza di autoproduzione.

A tutti coloro che, come è successo a me nei primi tentativi, si sono trovati in situazioni simili a quella di Valentina, consiglio vivamente di riprovare e di non darsi subito per vinti: modificando uno o più di uno contemporaneamente di quei 3 fattori (quantità dello starter, qualità dello starter, tempo di fermentazione) e partendo da ingredienti sani e conosciuti, si riesce ad ottenere non solo uno yogurt buono e benefico per la nostra salute, ma anche uno yogurt perfettamente in linea con i nostri gusti particolari o all’uso che se ne vuole fare: da quello più liquido e leggero da usare anche per frullati, nei dolci, nei pancakes o per salsine leggere, a quello più consistente, alla greca, che può arrivare anche a ricordare per gusto e, spesso addirittura per consistenza, il formaggio spalmabile e che può essere anche usato per fare salse di accompagnamento più consistenti come lo tzatsiki, per i cheesecakes o per la panificazione. Insomma, gli usi sono tantissimi.

Non c’è che da provare e sperimentare!
Buona avventura a tutti e aggiornatemi sui vostri risultati.

Per qualsiasi dubbio non esitate a scrivermi, sarò felice di dare una mano!!

La vera storia di Natale

Non finirò mai di stupirmi della capacità della Bibbia di poter parlare a tutti, in milioni di livelli diversi, in centinaia di lingue diverse e di saper rispondere alle stesse domande che l’uomo si è posto dalla notte dei tempi.

Nel corso degli anni, i nostri figli hanno avuto a disposizione alcune versioni di Bibbia per bambini.
Le ho spesso lette a voce alta e, a secondo della loro età, ho cercato di introdurli alla conoscenza di questo libro, che io chiamo con loro “Il Libro dei libri”, ovvero quella sorta di lente attraverso la quale guardare e cercare di comprendere il mondo circostante.

Nella mia infanzia, passata a scuole dalle suore, sono stata fortemente condizionata da un’atmosfera religiosa cupa e del tutto incoerente. Questo ha minato dal profondo quello che sarebbe stato il mio rapporto futuro con la spititualità. Non vorrei che questo accadesse ai miei figli.
Ciò che mi preme far conoscere a loro, è la valenza gioiosa e assolutamente positiva che risiede nei precetti cristiani.

A differenza di quanto molti pensano e di quanto molti ci hanno fatto pensare, la Bibbia contiene moltissimi riferimenti alla gioia. Leggendo anche le storie del Vangelo, non si può non notare che Gesù stesso, era un uomo dal carisma eccezionale e dal carattere sicuramente gioioso. Non credo che tanta gente lo avrebbe seguito e lo avrebbe invitato a così tante feste (ricordate ad esempio le nozze di Cana?) se fosse stato uno di quei musoni che non fanno altro che ricordarti che la vita terrena è tedio e sofferenza …(qualcuno ha mai inviato Leopardi a qualche festa?). Non credo proprio.

Ho sempre pensato infatti che Gesù fosse un uomo dotato di grande umorismo, un umorismo, certo, di altri tempi, ma perfettamente in linea con quello della cultura ebraica a cui apparteneva. Con i suoi modi semplici e schietti, si mostrava agli altri come la testimonianza viva della speranza che noi tutti dobbiamo riporre nella vita: la speranza di un conforto,non solo nella vita dopo la morte, ma nella vita terrena, nella nostra esperienza quotidiana di confronto con gli altri, fatta di alti e di bassi, di “giorni si” e di “giorni no”.

La storia stessa del Natale, non è semplicemente la storia della nascita di un bambino in una mangiatoia, ma la storia della nascita della speranza per il genere umano.
In quel freddo, gelido, buio, primo Natale di tanto tempo fa, Dio ha donato a quegli uomini senza più speranza e conforto, il dono dell’eterna fede, sotto forma di un piccolo bambino, che avrebbe cambiato il mondo. E questo miracolo, questo dono di speranza e di gioia, si ripete ogni anno, da quel tempo sino ad oggi.

Certo, Dio non ci ha dato l’assicurazione che tutto per noi filasse liscio e che avremmo avuto solo esperienze positive (e la Bibbia e il vangelo sono pieni di esempi illustri, a riguardo!). Ma è proprio in quelle esperienze di sofferenza e proprio in mezzo a tutti i nostri casini, che Dio è presente e ci conforta. Vivere con gioia è infatti una scelta che appartiene a noi, non a Dio. La speranza di essere ascoltati e capiti è, invece, la nostra più grande sicurezza.

E’ in quest’ottica che quest’anno abbiamo deciso di celebrare il mese “del compleanno di Gesù” con un progetto speciale, l’e-book Truth in the Tinsel. An Advent Experience for Little Hands di Amanda White. Si tratta di un e-book in cui i bambini possono far proprie la storia del Natale e della nascita di Gesù, attraverso l’ascolto delle storie di Natale e la manualità creativa, in un percorso di 24 giorni. Per ogni giornata, dal 1° dicembre al 24, sono indicate le istruzioni per creare degli ornamenti, delle decorazioni e dei lavoretti creativi, in linea con la storia del giorno e, attraverso alcuni spunti di riflessione, meditare insieme concretamente sui principali aspetti della storia.

Il libro è in lingua inglese, ma, anche per chi non lo conosce bene, vi assicuro che non è un grosso problema: infatti gli estratti possono essere facilmente reperiti sulla propria Bibbia e sul proprio Vangelo italiano. E le istruzioni dei lavori manuali sono assolutamente semplici da comprendere anche per chi non mastica bene l’inglese. Se incorrete in qualche problema o difficoltà, sarò felice di darvi una mano tramite la mia email.

Nel libro è compresa anche una lista dell’occorrente che servirà durante il mese (che per la maggior parte comprende oggetti di uso comune già presenti in casa e di materiali di riciclo) e anche una lista dettagliata divisa per giorno e progetto. La bellezza di questi lavori creativi è che possono essere personalizzati a piacere, a seconda di cosa si ha a disposizione.
E non si è obbligati a farli tutti! Si sa, il periodo pre-natalizio, è fitto di impegni e di eventi e noi infatti, non credo assolutamente che ci impegneremo in tutti e 24 i lavori, ma cercheremo di essere costanti nella lettura dei brani, in modo da immergerci a fondo in questa atmosfera natalizia. Il che non ci impegnerà, più di un quarto d’ora al giorno, magari prima di andare a letto.

Se cliccate “mi piace” sulla pagina Facebook di vitadimamma, potrete vedere le foto aggiornate delle nostre versioni dei progetti, quindi se avete voglia, condividere le foto dei lavori e i commenti o le idee che magari i vostri bambini hanno espresso durante il giorno.
Inoltre, sulla pagina facebook di Truth in The Tinsel, potrete, come noi, partecipare al gruppo di famiglie che, in tutto il mondo, stanno partecipando a questa iniziativa.

Pronti per celebrare il Natale in questo modo speciale con i vostri bambini? Noi non vediamo l’ora di inziare!!!

**Credo molto in questo progetto e, visto che trovo Truth in the Tinsel in linea con l’idea e lo spirito di vitadimamma, ho deciso di diventare affiliata: se deciderete di acquistare l’ e-book, dopo aver cliccato sul link presente nella sidebar qui accanto, riceverò una percentuale dalla vendita. Grazie in anticipo.**